Contatta il centroX

TIPS & TRICKS su come applicare correttamente i Fanghi d’Alga Guam: i consigli degli esperti

guam guam
scritto da
Guam
Redazione
17 June

L’applicazione dei fanghi d’alga richiede alcune accortezze pratiche che la faranno diventare un appuntamento gradito e rilassante e che trasformeranno il bagno in una piccola SPA casalinga, con il vantaggio della privacy rassicurante della propria casa: SPA che in quanto ad efficacia e gradevolezza, non ha nulla da invidiare ai trattamenti in istituto, oltreché all’impatto sul budget, tutto in attivo.

Vale la pena però organizzare in bagno un kit per l’applicazione che sarà utilissimo per affrontare gli eventuali inconvenienti che, soprattutto nelle prime applicazioni, possono incorrere.

ROTOLO POLIETILENE

E’ sufficiente la comune pellicola trasparente da cucina. Meglio destinare un rotolo intero esclusivamente al trattamento, da lasciare sempre pronto in bagno nel kit di applicazione per non rischiare di rimanere senza pellicola proprio durante l’opera di avvolgimento dei fanghi.

METRO DA SARTA

Le più scientifiche avranno forse il desiderio di misurare i risultati ottenuti. L’ideale sarebbe segnare con un pennarello sulla coscia la zona di misurazione in modo da poter confrontare con esattezza la misura del girocoscia prima e dopo le applicazioni.

PROCEDIMENTO

Il procedimento è facile. Innanzitutto si procede a mescolare il fango con un lungo cucchiaio da cucina in profondità e in modo energico: questa operazione, da ripetere sempre, ogni volta che si apre il vaso dei fanghi, è essenziale per miscelare gli oli essenziali e gli altri ingredienti che, trattandosi di un composto naturale, tendono a separarsi.

Si deposita sulla mano una quantità di fango pari ad un paio di cucchiai e si massaggia sulle zone interessate dagli inestetismi cutanei, partendo sempre dal basso verso l’alto. Se si vogliono applicare i fanghi su tutta la coscia, partire dal ginocchio per poi salire verso la parte alta della gamba. Poi ricoprire i glutei, ed eventualmente i fianchi e come ultima zona l’addome. La quantità ideale che deve restare sulla pelle è uno strato sottile e omogeneo che la ricopre completamente, senza eccessi che scivolino verso il basso.

Successivamente si avvolgono le parti del corpo interessate con la pellicola protettiva in plastica, facendo attenzione a non lasciare zone scoperte, sigillando bene l’inizio e la fine dell’avvolgimento. In questo modo, se lo si desidera, si potrà indossare un pantalone della tuta o degli shorts senza rischiare di sporcarli.

Si rispettano poi i tempi di posa, 45 minuti circa, durante i quali si avvertirà un leggero riscaldamento a livello cutaneo e la sensazione caratteristica del famoso “pizzicorio attivo”, che testimoniano la riattivazione della microcircolazione cutanea. L’intensità di questi fenomeni è del tutto soggettiva e dipende da vari fattori personali, tra cui stato della pelle, sensibilità individuale, età, ecc. Queste manifestazioni esterne sono comunque svincolate dall’azione del prodotto; infatti i principi funzionali vengono assorbiti dalla pelle indipendentemente dalle reazioni esterne.

Durante il periodo di posa non è richiesta l’immobilità: è infatti possibile il normale svolgimento delle attività casalinghe, come cucinare, stirare, ma anche concedersi un po’ di relax davanti alla tv oppure in compagnia di una buona lettura!
La conclusione del tempo di posa, 45 minuti totali, termina con la rimozione della pellicola (che si può arrotolare in un gomitolo pronto per essere buttato) e poi con il risciacquo del fango sotto acqua tiepida, operazioni da effettuarsi entrambe nella doccia o nella vasca.

A completamento del risultato, dopo aver asciugato le parti, si può applicare un velo di Crema gel ai Fanghi d’Alga Guam, dall’effetto rinfrescante e tonificante, che è a rapido assorbimento e non lascia residui.

L’operazione fanghi come vedete è facile e i risultati, visibili da subito, saranno sicuramente il miglior incentivo a proseguire!

TOP
X
- Enter Your Location -
- or -