Contatta il centroX

Sole e salute: facciamo chiarezza!

Gushmag
scritto da
Gushmag
Social Magazine
03 August

Moltissimi sono i dibattiti aperti sul protagonista indiscusso dell’estate: il SOLE.

Fin da bambini la credenza diffusa è che l’elemento luminoso più grande dell’universo sia dannoso, tanto da essere considerato il maggiore nemico per la bellezza e la salute della pelle.

Difficile però resistere al richiamo di spiagge e piscine refrigeranti, ancor più rinunciare alla sensuale sfumatura ambrata, tipica della bella stagione dopo qualche giornata sotto il sole.

Per mediare a questo dualismo intrinseco, facciamo un po’ di chiarezza.

Innanzi tutto è necessario parlare del ruolo della melanina.

La melanina è il naturale meccanismo di difesa della pelle, una sostanza che agisce da filtro per i raggi UV, se esposta alla luce solare.

Distribuita negli strati più superficiali dell’epidermide, crea una barriera che ostacola la penetrazione delle radiazioni, conferendo alla pelle esternamente il caratteristico colore dorato.

È prodotta da cellule presenti nello strato basale dell’epidermide, dette melanociti, necessarie per proteggere la pelle dai raggi UV.

L‘abbronzatura quindi rappresenta in realtà il sistema di protezione biologico della pelle.

La quantità di melanina nell’epidermide è un fattore ereditario, e varia da persona a persona; è determinata da un valore nominato fototipo (dal 1 al 6), che indica infatti la sensibilità all’esposizione, da tenere a mente nella scelta del filtro solare.

Il sole però è un elemento fondamentale per la vita degli organismi viventi sulla Terra, tra dubbi e credenze ne analizziamo proprietà e rischi.

I vantaggi e gli svantaggi dell’esposizione alla luce solare sono da attribuire soprattutto alla sua componente ultravioletta, costituita da 3 classi di radiazioni differenti tra loro:

  1. UV-A
  • Promuovono il rilascio della melaninadai melanociti, i principali responsabili dell’abbronzatura.
  • Possono causare il melanomae l’invecchiamento precoce della pelle, se non vengono schermati dalla giusta protezione.
  1. UV-B
  1. UV-C
  • Sono le radiazioni più pericolose, non raggiungono però il suolo terrestre poiché sono schermate dallo strato di ozono nell’atmosfera.

 

I benefici del sole

L’esposizione al sole, nonostante sia notoriamente minacciosa, apporta comunque benefici importanti sull’organismo; è stato infatti certificato che contribuisca alla produzione di vitamina D, essenziale per lo sviluppo delle ossa, la prevenzione dell’osteoporosi, dell’artrite reumatoide e del tumore ai polmoni.

Crogiolarsi al sole sembra essere inoltre il miglior rimedio alla pressione sanguigna molto alta, diminuendo di conseguenza il rischio di malattie cardiovascolari strettamente legate a questa patologia, come ictus e infarto.

  • Rinforza le ossa
  • Riduce i reumatismi
  • Previene malattie cardiovascolari gravi

I rischi del sole

È fondamentale ricordare che i rischi legati all’esposizione solare aumentano notevolmente con l’assenza di fattori di protezione, soprattutto nei soggetti con fototipo molto sensibile.

Globalmente i danni principali causati dalla luce solare a contatto con l’epidermide sono:

  • Ispessimento della cute
  • Danneggiamento del DNA cellulare (in caso di scarsa protezione)
  • Invecchiamento precoce della pelle e rughe profonde
  • Rischio di fotosensibilizzazione se si assumono farmaci (antibiotici, FANS, alcuni antistaminici)
  • Rischio di eritema solare
  • Rischio di colpo di calore in soggetti con pressione sanguigna bassa o debilitati

 

Come godere degli effetti benefici dell’esposizione al sole, riducendone i potenziali rischi?

  1. Evitare di prendere il sole nelle ore più calde, tra le 11:30 e le 15:30, quando la concentrazione di raggi UV è particolarmente intensa.
  2. Applicare la crema solare in base al proprio fototipo, avendo cura di ripetere l’operazione più volte al giorno e dopo i bagni, poiché l’acqua moltiplica la quantità di raggi percepiti.
  3. Aggiungere polifenoli nella dieta quotidiana, prediligendo frutta e verdura molto colorata.

Come scegliere la protezione solare più adatta al proprio fototipo?

Fototipo I

I soggetti con fototipo I presentano spesso una carnagione molto chiara, con capelli di colore biondo o rosso, e gli occhi tendenzialmente chiari. Questo tipo di pelle è particolarmente sensibile all’esposizione solare, tanto da sviluppare in breve tempo eritemi e gravi danni permanenti, se non protetta adeguatamente.

Protezione solare consigliata: Spf 50 o 50+.

Fototipo II

I soggetti con fototipo II hanno i capelli di colore biondo scuro o castano chiaro, mentre gli occhi possono spaziare da chiari cristallini a scuri e profondi. La pelle risulta molto delicata e tende a scottarsi abbastanza facilmente, per questo è necessario evitare un’esposizione al sole intensiva e prolungata.

Protezione solare consigliata: Spf 30 o 20.

Fototipo III

Il fototipo III è il più diffuso tra la popolazione occidentale, caratterizzato da capelli e occhi castani.

La pelle tende a scottarsi solo in caso di esposizione intensiva senza schermi protettivi, e presenta un’abbronzatura omogenea e dorata.

Protezione solare consigliata: Spf 30 a scalare fino a Spf 6.

Fototipo IV

I soggetti con fototipo IV hanno la carnagione olivastra, il colore dei capelli e degli occhi che spaziano dal castano scuro al bruno. Questo tipo di pelle non reagisce particolarmente all’esposizione del sole, anche qualora risulti persistente, dando origine ad un’abbronzatura intensa e duratura.

Protezione solare consigliata: Spf 20 a scalare fino a Spf 6.

Fototipo V

Questo fototipo è proprio dei soggetti con carnagione olivastra o scura, dai capelli tendenzialmente scuri e dagli occhi castani scuro. La loro pelle presenta una rarissima reazione al contatto con la luce solare, per questo motivo l’uso della protezione solare è consigliato ma facoltativo.

Protezione solare consigliata: Spf 20 a scalare fino a Spf 6.

Fototipo VI

La carnagione dei soggetti con fototipo VI si presenta già naturalmente scura, rendendo quasi impercettibile la differenza di tonalità a seguito dell’esposizione solare.

Non vi è necessità di protezione solare.

 

Prendetevi cura della vostra pelle, il sole si prenderà cura di voi…e buona estate a tutti!

TOP
X
- Enter Your Location -
- or -