Contatta il centroX

8 utili consigli per un Settembre positivo!

Gushmag
scritto da
Gushmag
Social Magazine
09 settembre

Di Serena Carollo

Ci sono tante cose in grado di infastidirci: quando ci fanno notare che abbiamo preso dei chili in più (e già ne siamo consapevoli senza l’aiuto dal pubblico) o che mettiamo troppo sale nell’insalata, quando non abbiamo il tempo per fare tutto ciò che in un giorno ci prefiggiamo di fare (anche se sappiamo che sarebbe umanamente impossibile) e poi…i ritorni.

Più o meno qualsiasi forma di ritorno è in grado di procurare in noi una noia tale che ogni consolazione, ci convinciamo, sarebbe inutile. Ma c’è un tipo di ritorno sugli altri, uno in particolare, che provoca il dramma più irreversibile, il ritorno dalle vacanze. Provate ad andare nella zona Arrivi di qualsiasi aeroporto a fine Agosto, vi sembrerà di essere in un dipinto di Gustave Dorè: ecco a voi, il penoso girone dantesco dei nostalgici della bella stagione!

Quello che è necessario fare è cercare di asciugarvi le lacrime e sottoporvi tutta una rosa di opzioni per farvi vedere Settembre sotto un nuovo punto di vista.

Non come una fine, ma piuttosto come un inizio.

 

First step: Came back to the office.

Cominciamo da qui. Sappiamo tutti, fin dall’infanzia, che tornare in un ambiente dove passiamo la maggior parte dei nostri giorni non piace a nessuno. Come non ci piaceva tornare a scuola prima, ora non ci piace ritornare al lavoro, ma se da piccoli ci bastava piangere per muovere a compassione la mamma (non quella di tutti, alcune erano Hitler) ora dobbiamo escogitare soluzioni migliori.

  • Migliorare la nostra postazione di lavoro, aggiungere qualcosa di nuovo, tipo una foto di noi belle, abbronzate e gioiose al mare.

Molte volte dimentichiamo l’importanza di un ricordo e non dovremmo. Posare sulla nostra scrivania una foto della nostra estate mette a nostra disposizione la possibilità di rivivere un bel momento, incorniciare una sensazione piacevole, prometterci nuove mete e farci tornare il sorriso. Per farlo al meglio esiste un’App: LALALAB.

Scaricandola potrete stampare le vostre foto come se fossero delle bellissime polaroid, regalandogli quello stile vintage in grado di rendere uno scatto ancora più unico, oppure potrete renderle dei magneti, dei poster o ancora un regalo da spedire. La formula prediletta è LALABOX, una scatolina adorabile in cui poter mettere 36 foto in stile polaroid da inviare a chi ami nel mondo.

  • Mantenere un buon rapporto con il cibo. Divorare e non essere divorati dalla pausa pranzo.

E’ facile ricadere nelle vecchie abitudini, non propriamente salutari, ma ci sono modi per non farlo. Per esempio questo sito, Melarossa, potrebbe dare una mano. A volte è solo questione di un briciolo di impegno e di esercizi di fantasia.

  • Good planning

La vita in ufficio può essere simile ad un circo, ma sappiate che sia felini che impegni possono essere domati, sebbene entrambi a volte ci intimoriscano. E’ tutta questione di buona organizzazione. Per aiutarvi in questo ho scelto un’App gratuita per il project management, TRELLO. La sua semplicità è disarmante e si basa sul concetto di una lavagna pulita da riempire di task. Per una spiegazione più approfondita, ordinata e agevole vi invito a cliccare qui

 

Second step: Use better your free time.

Quello che state per leggere, riscrivetelo sulla lavagna che avete sul frigo, in ufficio o in camera (e ripetetelo durante gli attacchi di panico in macchina o in metro, mentre raggiungete l’ufficio, a mo’ di mantra):

NON solo in vacanza possiamo godere al meglio del nostro tempo libero e rilassarci, per questo esistono i weekend. Quello che bisogna capire è come sfruttarli al meglio.

  • Weekend fuori casa

Cenate con gli amici

Settembre è un mese speciale in cui ogni cena a cui veniamo invitati può essere paragonabile ad una serata al cinema. Vi spiego perché. Usciamo, arriviamo nel locale, ci sediamo al tavolo ed ecco che viene proiettato a poco a poco il film estivo di ognuno dei nostri amici. E’ piacevole ascoltare i racconti di viaggio, le disavventure, scrutare le abbronzature, i braccialetti di corda colorata sui polsi o farsi svelare ogni minimo dettaglio di amori travolgenti nati per caso al bar di una piccola isola incantata o in un museo di una grande città. Appassionarsi alle persone che gli altri hanno incontrato, anche se non le abbiamo mai viste, osservarle nei loro gesti o nelle espressioni che si mettono addosso mentre le descrivono. Le uscite di Settembre, quindi, sono delle occasioni di narrazione coinvolgenti e non vanno perse assolutamente. Non fate le pigre!

Concedetevi piccole fughe

Le città, i musei, le gallerie, i borghi o i laghi che non avete visitato ad Agosto possono essere scoperti anche durante gli altri mesi dell’anno. Soprattutto nel caso in cui la nostalgia fosse davvero difficile da vincere, organizzate una piccola fuga dalla vostra città. Premiarvi a conclusione di una settimana di ritorno al lavoro, non può che essere un’ottima idea. Ricordate che riprendere ad organizzare la vostra vita vuol dire anche essere capaci di fissare degli obiettivi che continuino ad alimentare la vostra felicità. L’idea di prenderci cura di noi stessi, non finisce con l’estate.

  • Weekend a casa

Settembre è un ottimo mese anche per dei fantastici lazy-weekend, in cui non c’è gioia maggiore che scomparire tra i cuscini del divano.

  • Potete iniziare a tirare fuori i plaid con i gatti
  • Escono serie tv meravigliose

(eccovi un link utile)

  • Potete concedervi una tisana e un bel libro che vi consiglio con il cuore, uscito a fine agosto:

Eccomi, di Safran Foen

Perfetto anche per pensare di iniziare a partecipare ad un club del libro (no non farà di voi delle vecchiette). Ce ne sono di divertenti e coinvolgenti, un esempio:

Zelda Was A Writer

Vi lascio anche qualche spuntino di lettura, giusto per farvi gola:

“Jacob era cresciuto, come qualunque ebreo nell’ultimo quarto del ventesimo secolo, sotto l’ala di Spielberg. O meglio, all’ombra della sua ala. Aveva visto E.T. tre volte nella settimana in cui era uscito, tutte all’Uptown, tutte le volte guardando lo schermo attraverso le dita mentre l’inseguimento in bici raggiungeva un climax così pazzesco da essere letteralmente intollerabile. Aveva visto Indiana Jones e poi quello dopo e quello dopo ancora. Aveva provato a vedere fino alla fine Always – Per sempre. Nessuno è perfetto. Almeno finché non fa Schindler’s List, e a quel punto non è neppure più lui, ma rappresenta loro. Loro? I milioni sterminati. No, pensò Jacob, rappresenta noi. I Non Sterminati. Ma Schindler non era per noi. Era per loro. Loro? Non gli Sterminati, naturalmente. Loro non possono vedere i film. Era per tutti loro che non erano noi: igoyim. Perché grazie a Spielberg, sul cui conto in banca il pubblico si sentiva in obbligo di fare un versamento all’anno, avevamo finalmente un modo per costringerli a guardare la nostra assenza, a strofinare i loro nasi nella merda del pastore tedesco.”

 

Ora. Sebbene i miei consigli siano terminati, Settembre rimane un mese ostico con cui entrare in sintonia, ed è un dato di fatto, un mese in cui l’occhio guarda con fin troppa malinconia all’estate, lo sappiamo, ma è anche il mese degli inizi, un Capodanno in anticipo, in cui ancora si indossa la t-shirt e alcuni le infradito, ma nonostante ciò un mese di speranze e buoni propositi.

Settembre è la prima colazione dell’anno, bisogna essere positivi per affrontare tutti gli altri undici mesi con l’energia che il sole della nostra estate ci ha regalato.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO
TOP
X
- Enter Your Location -
- or -